Quali sono i migliori film di Halloween del catalogo Netflix?

Se il Natale non è un vero Natale senza una colonna sonora composta da Cole Porter, Bing Crosby, Elvis e Sinatra, allo stesso tempo Halloween non sarebbe davvero Halloween senza certi film ispirati alla notte delle Streghe!

Per creare la giusta atmosfera non è sufficiente indossare un costume credibile, né rimpinzarsi con dolci e altri Junk Food. La serata perfetta di Halloween è quella da trascorrere con le persone giuste, scegliendo qualche titolo dal catalogo di Netflix o delle altre piattaforme a cui avete sottoscritto il vostro abbonamento. Il cinema horror e quello fantastico in genere, nel corso del tempo ha avuto momenti di alti e bassi, ma ci sono alcuni film che sono rimasti negli annali, per qualità, impatto sul pubblico e fortuna critica.

  • Halloween – La notte delle streghe

Scelta forse un po’ prevedibile e telefonata, ma ci sembra il film adatto per iniziare una rassegna di film dedicata alla sera di Halloween. Tutto ebbe inizio in quel 1978, quando un giovane e talentuoso John Carpenter venne coinvolto in un progetto di film commerciale, fatto apposta per attirare un vasto pubblico. Sul catalogo Netflix è stata da poco rilasciata la terza stagione della serie I film della nostra infanzia, che ci racconta in modo divertente, leggero e retrospettivo tutto quello che c’è da sapere sulla lavorazione dei film di culto della adolescenza della cosiddetta Generazione X. In questo primo episodio si parla proprio del capostipite di Halloween. Girato in poco più di due settimane, con un budget modesto che non raggiunge nemmeno i 400.000 dollari, la pellicola dedicata al folle serial killer Michael Myers, diventa nel giro di qualche tempo uno dei film di maggior successo del suo tempo, incassando oltre 70 milioni di dollari, cifra record per una produzione indipendente, che contribuisce a lanciare il regista e la sua protagonista, Jamie Lee Curtis, figlia di Tony Curtis e di Janet Leigh. Oggi Halloween è un classico, ma quando venne realizzato si trattò di una sfida produttiva e creativa per tutte le persone che presero parte al progetto.

  • Piccoli brividi

 Divertente film del 2015, diretto da Rob Letterman e interpretato da Jack Black, non si tratta della trasposizione filmica del romanzo di R.L. Stine, pur raccontando una storia ambientata nel suo universo narrativo. Un horror d’avventura adatto anche al pubblico più giovane, che ricorda per certi versi quel genere di film che durante gli anni ottanta veniva prodotto da Steven Spielberg e diretto da Joe Dante. Godibile, senza troppe pretese, ma con una storia ben scritta e realizzata e qualche colpo di scena davvero ben congegnato. Da vedere.

  • Beetlejuice – Spiritello porcello

Nella classifica dei film di Halloween non poteva certo mancare il talento di Tim Burton. Abbiamo scelto due delle sue pellicole, ma potevamo anche inserirne di più, visto che il regista statunitense durante gli anni ottanta e novanta ha contribuito a dare nuovi stimoli e impulsi creativi al cinema gotico, fantastico e horror. Questa commedia di spiriti e fantasmi vede un cast di stelle, dove spiccano il talentuoso Michael Keaton e la sfortunata coppia di sposini composta da Alec Baldwin (sì, proprio lui!) e da Geena Davis. La Davis che oggi non è più così conosciuta e popolare tra la fine degli anni ottanta e i primi novanta era un’autentica star e icona di Hollywood, che diventerà famosa per aver interpretato il ruolo di co-protagonista in Thelma e Louise diretto da Ridley Scott. Detto questo, Beetlejuice di Tim Burton del 1988 incassò oltre 73 milioni di dollari solo nel Nord America. In quegli anni il tema spiriti e fantasmi era molto di moda, basti pensare che proprio nello stesso momento uscì nelle sale un’altra pellicola simile, diretta dall’irlandese Neil Jordan, dal titolo High Spirits, con un cast ricco di star come Peter O’Toole, Steve Guttenberg, Liam Neeson, Beverly D’Angelo e Daryl Hannah. Oggi però tutti ricordano del grande successo della pellicola di Burton, che per certi versi creò un sottogenere di grande popolarità. È un film da rivedere durante la sera di Halloween per trascorrere all’insegna del divertimento la notte delle streghe.

 

  • Il mistero di Sleepy Hollow

Ancora un film diretto da Tim Burton, ma durante gli anni novanta, questo Il mistero di Sleepy Hollow vede il sodalizio tra il regista statunitense e il divo più celebre del periodo, Johnny Depp. Si tratta di una tematica classica, sempre di ambientazione gotica, dove Depp interpreta un investigatore ante-litteram impegnato con la risoluzione di un mistero assai intricato. A rendere il film un cult assoluto ci pensa la maestria del regista, i costumi d’epoca, le ambientazioni e le scenografie. Anche questa è una pellicola adatta da gustare durante la notte di Halloween, con il fiato sorpreso. Non è adatto per un pubblico giovane e suggestionabile. Consigliato per chi ama le storie gotiche, per i fan di Johnny Depp e per chiunque ami il cinema fantastico di qualità.

  • The Blair Witch Project

Chiudiamo questa rassegna con quello che fu un vero caso e fenomeno nell’anno della sua uscita. Questa strega di Blair all’epoca metteva davvero molta paura, specialmente per come venne realizzata la pellicola. Innovativo, indipendente e disturbante, questo film è assolutamente non adatto per chi non regge la tensione, specialmente per via dello stile snuff, da finto documentario, con riprese realizzate con macchina a mano. La storia potrebbe apparire banale e un po’ raffazzonata, ma a distanza di oltre 20 anni lo stile da found footage architettato dai registi Daniel Myrick ed Eduardo Sanchez, colpisce per efficacia e per acume. La strega è solo una metafora o vive realmente tra i boschi? Ancora oggi il mistero permane, su come questa storia sia stata raccontata da questo film e dai suoi sequel. Innovativa anche la campagna marketing, che nel 1999 era un po’ a metà tra la nuova era digitale e uno stile classico di comunicazione hollywoodiano. Il film detiene il record al botteghino di film realizzato con un budget assai ridotto (60.000 dollari, per 248 milioni incassati) che in precedenza era appartenuto a Mad Max Interceptor realizzato da George Miller nel 1979. Anche in questo caso è necessario dire che questa pellicola non è adatta a tutti, specialmente per chi avesse problemi con la cinetosi (nota anche come Motion sickness).

Considerazioni finali su Halloween

La notte di Halloween sta ottenendo sempre più successo come festa anche in Paesi europei come Italia, Spagna e Francia. Per chi come noi è cresciuto durante gli anni ottanta, questa è diventata un’occasione per leggere libri, rivedere vecchi film e ascoltare dischi a tema dedicati sulla notte delle streghe. Da lungo tempo anche per merito della sitcom creata da Matt Groening, I Simpson, abbiamo imparato ad apprezzare la puntata speciale di Halloween, conosciuta con il titolo “La paura fa novanta”. Questo episodio speciale è stato realizzato proprio per la festa di Halloween e il titolo originale è Treehouse of Horror. La prima puntata andò in onda il 25 ottobre 1990 e da quel momento è diventato un appuntamento fisso per tutti gli appassionati dei Simpsons e di conseguenza per tutti gli amanti di storie dell’orrore a tema Halloween.

netflixmagazine.com

netflixmagazine.com

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *