FILM

l’heure bleue, l’ora blu di Vittorio Storaro ne “La Strategia del Ragno” di Bertolucci

Quella strana strategia. Si quella del ragno di Bertolucci film che si “doveva fare” per rincorrere i francesi della nouvelle vague e i tedeschi della TV a colori. Un film per la televisione che non ha nulla da invidiare al grande schermo. Naturalmente mai che si riesca ad arrivare primi quando primi lo siamo.

Qui per l’ottusità portata al limite della crisi di governo, siamo nel 1970 e i socialisti si opponevano alla tv a colori il film che dei colori ne faceva una forza.  Venne trasmesso in un bel bianco e nero dalla RAI che ne era pure produttrice.

Cosa è l’ora blu

Ora, fatto questo rapido excursus storico, la RAI fa ammenda ce lo ripropone in una splendida stampa dagli originali negativi 35 mm che ci fecero scoprire le potenzialità del mago delle luci Vittorio Storaro. E qui la magia appare con i famosi blu di quell’ora dopo il tramonto quando non è ancora buio. Era già stata scoperta dai francesi che la chiamavano “L’Heure Bleue” ma la usavano con i filtri per un discutibile effetto notte.
Il film va visto come un melodramma che di più non può essere nella terra dei melodrammi dove tuti sono emuli degli eroi di verdi e ne cantano le arie come noi fischiettiamo quelle di Battisti. Il film è bellissimo e ora questa stampa per chi possiede un televisore grande ma non grandissimo con le nuovissime tecnologie diventa un capolavoro.

Un quiz per chi più intelligente di me voglia darmene una spiegazione: il marinaio che arriva con il treno e si mette a correre e di nuovo corre per prendere un treno che non passerà mai. Il treno dei sogni.
Strategia del ragno è un film per la televisione del 1970 diretto da Bernardo Bertolucci.

Comment here